Animali negli allevamenti

Animali negli allevamenti

Mucche che brucano erba nei prati, galline e polli che razzolano liberi nell’aia. False immagini che si presentano davanti ai nostri occhi in TV e sugli altri media.

Ma la realtà è un'altra: il 99% degli animali allevati a scopo alimentare, in Italia, proviene da allevamenti intensivi, in cui gli animali trascorrono la loro breve vita in spazi sovraffollati.

Sono milioni gli animali allevati in Italia per l’alimentazione umana, miliardi nel Mondo, che dopo una vita di reclusione subiscono l’ulteriore sofferenza dei “viaggi della morte”, i trasferimenti dall’allevamento al mattatoio, dove vengono uccisi per farne cibo per l’uomo.

Gli animali acquatici, invece, pesci e crostacei in massima parte, hanno due tragiche possibilità: la cattura con le reti, e una lenta agonia che spesso finisce addirittura sui banchi dei mercati, o l’acquacoltura, replica in acqua dell’allevamento intensivo, cui segue una morte spesso estremamente dolorosa.

L’alternativa a questa catena di dolore e morte è l’alimentazione priva di ingredienti di origine animale, in grado di soddisfare il fabbisogno nutrizionale e, come sempre più studi medico-scientifici dimostrano, più salutare per l’organismo umano. Scopri come Cambiare menù in modo gustoso e pratico!