Animali esotici

Animali esotici

E’ impegnata a denunciare e contrastare lo sfruttamento degli animali esotici, il loro commercio e il traffico illecito, attraverso il rispetto della legalità e la proposta di leggi appropriate. LAV organizza campagne di informazione per sensibilizzare l’opinione pubblica sulle reali condizioni degli animali in cattività e si occupa del recupero e della riabilitazione di animali salvati da circhi, zoo e delfinari trasferendoli in centri specializzati, anche in collaborazione con organizzazioni internazionali.

Ti piacerebbe essere privato della tua libertà ed non poter esprimere la tua natura? Vivere confinato e costretto ad esibirti? Viaggiare per centinaia di chilometri chiuso in una gabbia ed essere esposto come trofeo per un pubblico pagante?

Questo è la vita di migliaia di animali in Italia detenuti per fini commerciali nei circhi, nelle mostre faunistiche itineranti, negli zoo e nei delfinari.

Le condizioni in cui questi animali sono costretti a vivere, spesso per tutta la loro vita, sono estreme perché contrarie ai loro bisogni etologici e alla loro natura.

Lo sfruttamento  degli animali a fini di intrattenimento ed esposizione è un retaggio del passato, nella società contemporanea non è divertente né educativo vedere un animale sfruttato, confinato, costretto ad esibirsi negli shows e quindi soggetto ad addestramenti, violenze e privazioni.

Il rispetto degli animali parte dalla conoscenza della loro vera natura che non si impara in queste strutture. Gli  animali tenuti prigionieri sono, loro malgrado, fantasmi di loro stessi perché ridotti in stato di schiavitù. 

In diversi Stati dell’Europa e del mondo le esposizioni e gli spettacoli con gli animali sono proibite, mentre in Italia queste attività sono ancora consentite e spesso regolate da leggi anacronistiche.

L’indagine EURISPES del 2015 ha  rilevato che gli Italiani si schierano decisamente ed inequivocabilmente contro lo sfruttamento degli animali a fini di shows, si dichiarano contrari ai circhi il 68,3% e ai delfinari il 64,8%. Inoltre è in calo il numero di persone a cui piacciono gli zoo: -9,5% rispetto all’anno precedente.

E’ ora che la voce degli Italiani si traduca in atti concreti da parte di tutte le rappresentanze della società civile. 

La LAV lavora ogni giorno per sostenere la liberazione degli animali detenuti in queste strutture e anche per programmare un piano di dismissione di queste attività e la progressiva  sistemazione degli animali in centri di recupero in Italia e all’ estero. 

Il cambiamento è possibile, mettiamo insieme la parola fine a questa schiavitù degli animali.

Perché #LAVeralibertà è solo in natura.