Finanziamenti pubblici ai circhi con animali

L’ Italia finanzia con soldi pubblici i circhi con animali. Com’è possibile?

La Legge sul circo del 1968 (Legge n.337 del 1968) riconosce alle imprese circensi una “funzione sociale” e il Ministero dei Beni Culturali e dello Spettacolo finanzia i circhi con animali.

Tale Legge non è stata mai aggiornata per quanto concerne l’ utilizzo degli animali. Lo spettacolo artistico è utile  alla collettività ma per essere un’attività “sociale” deve soddisfare le esigenze di un’ampia comunità.

La rilevazione EURISPES del 2016 sottolinea che il 71,4% degli italiani è contraria ai circhi con animali. L’arte e l’abilità degli artisti umani sono dei valori importanti, la LAV sostiene quindi il circo umano e non quello che utilizza gli animali negli spettacoli e nelle esibizioni.

Le sovvenzioni pubbliche sono erogate del Fondo Unico dello Spettacolo (FUS) - strumento finanziario per sostenere le attività del cinema e degli spettacoli dal vivo. I finanziamenti pubblici erogati dal FUS a strutture circensi  e di spettacolo viaggiante che detengono e/o utilizzano animali.

 

 

RAPPORTO LAV

FIRMA LA PETIZIONE