Osservatorio Zoomafia

Osservatorio Zoomafia

Ha l’obiettivo di analizzare, denunciare e contrastare i crimini a danno degli animali perpetrati dalla criminalità organizzata o da singoli soggetti, come corse illegali di cavalli, bracconaggio e pesca illegale, traffico di cuccioli, lotte tra cani, macellazione clandestina e altri fenomeni illeciti.

Maltrattati, violentati, uccisi, rubati, macellati: ogni anno centinaia di migliaia di animali finiscono nelle mani criminali della Zoomafia che li sfrutta per motivi economici, di controllo sociale e di dominio territoriale. Gli attori di queste violenze sono persone singole o associate che appartengono a cosche mafiose o a clan camorristici.

Oggi la Zoomafia trae profitto tanto da illegalità ormai tristemente consolidate, come truffe nell’ippica e corse clandestine di cavalli, macellazioni abusive, abigeato (furto di animali da allevamento), bracconaggio e pesca illegale, lotte tra cani, business canili, quanto da nuove frontiere criminali, in particolare i traffici di animali via internet e il traffico di cuccioli.

Fin dal 1998 abbiamo dedicato l'Osservatorio Nazionale Zoomafia all'analisi anche criminologica di questo fenomeno, pubblicando annualmente il Rapporto Zoomafia. L'Osservatorio collabora con tutti gli organi di Polizia giudiziaria, con la magistratura, con vari osservatori sulla criminalità e le mafie.

La nostra sfida è avere un mondo senza abusi di alcun genere sui nostri amici animali: per questo ci impegniamo ogni giorno per denunciare le illegalità e sensibilizzare i cittadini.