Analisi Criminale

La zooerastia è un fenomeno di cui si sa poco. Si tratta di un disturbo sessuale caratterizzato dall’eccitazione erotica o dalla fantasia di avere rapporti sessuali con animali, o dal praticare attività sessuali con gli stessi in modo non occasionale. 

E’ considerata una psicopatologia solo se è compulsiva e se è suscettibile di procurare danni seri al funzionamento psicologico dell’individuo. Abbiamo analizzato questo fenomeno con un’indagine durata alcuni anni. Siti internet, chat, gruppi, riviste e filmati, negozi che vendono articoli specializzati, annunci di scambisti di animali, viaggi all’estero in posti dove la zooerastia è legale o tollerata: è il mondo sommerso che emerge nel dossier. 

Il tema della violenza nei riguardi degli animali è strettamente collegato al tema della violenza nei riguardi degli esseri umani e dei comportamenti antisociali in genere.

Da decenni in criminologia e in psicologica la ricerca presta attenzione agli effetti e alle conseguenze del coinvolgimento, in modo diretto o indiretto, dei bambini o degli adolescenti a forme di violenza. Le conseguenze più significative possono essere lo sviluppo di comportamenti aggressivi e antisociali e, in ogni caso, la difficoltà nei rapporti con i coetanei e nei rapporti sociali in genere. Un’indagine svolta dalla LAV nelle scuole medie ha cercato di fare il punto della situazione in Italia. 1500 studenti, tra gli 11 e i 14 anni, hanno partecipato risposto un questionario.

CRIMINI SESSUALI CONTRO GLI ANIMALI 

Ho ucciso un po’ di lucertole