SOS COMBATTIMENTI

Ogni anno in Italia migliaia di animali sono vittime dei combattimenti collegati alle scommesse clandestine.

Un business atroce che macina milioni di euro l'anno.

Per la piccola e la grande criminalità si tratta di un vero affare.

I soggetti coinvolti possono essere diversi: da delinquenti locali o allevatori privi di scrupoli, fino ai sodalizi criminali come la camorra, la sacra corona unita, la ‘ndrangheta e la mafia.

Grazie anche all’articolo 544 quinquies del Codice Penale che punisce “con la reclusione da uno a tre anni e con la multa da 50.000 a 160.000 euro chi promuove, organizza o dirige combattimenti tra animali” i combattimenti tra cani sembravano diminuiti.Oggi però sono ripresi a un ritmo allarmante: sono aumentate le segnalazioni, il numero di persone denunciate e i ritrovamenti di cani feriti o morti a seguito dei combattimenti. La lotta a cui gli animali sono crudelmente aizzati è il risultato di violentissime forme di addestramento, vere e proprie torture, inflitte ai cani fin da cuccioli.

L’Osservatorio Nazionale Zoomafia LAV da sempre si batte per contrastare concretamente questo fenomeno e proprio per questo motivo ha attivato un numero di telefono dedicato

 
SOS COMBATTIMENTI 06.4461206 

 

SOS COMBATTIMENTI non è un numero di pronto intervento ma un servizio che permette di raccogliere segnalazioni per tracciare una mappa del fenomeno e favorire l’attivazione di inchieste o sequestri di animali come prevede il Codice Penale.

COSA PUOI FARE TU
 
  • Segnalare i combattimenti, anche in forma anonima, al numero SOS COMBATTIMENTI (06.4461206) attivo dal lunedì al venerdì dalle 10.00 alle 17.00 o scrivendo a soscombattimenti@lav.it
  • Puoi parlare con amici e conoscenti del fenomeno