Aiutali a uscirne

Al Ministro della Salute Beatrice Lorenzin

Per il rispetto dei divieti previsti dalla legge contro i test su animali per sostanze d’abuso (alcol, fumo, droghe), i trapianti di organi tra specie diverse e di vincoli nel reimpiego in una seconda sperimentazione degli stessi animali utilizzati.

I SOTTOSCRITTI CITTADINI, PREMESSO CHE:

•    la direttiva europea 2010/63/UE in materia di “protezione degli animali usati a scopi scientifici” prevede come prioritari l’utilizzo di metodi alternativi di ricerca;

•    nel Decreto Legislativo 26-2014 di recepimento di tale direttiva è stato approvato l’articolo che ha introdotto criteri maggiormente restrittivi rispetto al testo comunitario; tra questi vi sono, fra gli altri, il divieto di testare su animali droghe, alcol, tabacco e altre sostanze d’abuso, effettuare esperimenti di trapianti fra specie diverse e il riutilizzo di animali per sperimentazioni classificate come “lieve” o “non risveglio” di un animale già impiegato in procedure classificate “gravi”;

•    il bando di queste procedure è previsto dal Decreto Legislativo a partire dall’1 gennaio 2017 ma ciò può essere cambiato in base alle valutazioni del Ministro della Salute sui metodi alternativi;

•    la sperimentazione animale è un modello scientificamente fallace e, in particolare, i dati ottenuti in questi campi di applicazione di animali ha un indice di fallimento elevato e comporta procedure particolarmente dolorose spesso effettuate senza anestesia;

 

CHIEDONO

 

di dare attuazione, e senza deroghe o proroghe, secondo l’articolo 42 comma 1 del Decreto Legislativo 26 del 2014 “Attuazione della direttiva 2010/63/UE sulla protezione degli animali utilizzati a fini scientifici” ai divieti previsti in materia di sperimentazione su animali come previsto dagli articoli 5, comma 2 - lettere d) ed e) - e dall’articolo 16 comma 1 lettera d) dello stesso Decreto Legislativo in vigore.

FIRMA LA PETIZIONE

BASTANO POCHI MINUTI

Accedi:

Informativa ai sensi dell'art. 13, d. lgs 196/2003

I Suoi dati sono trattati da LAV LEGA ANTI VIVISEZIONE - titolare del trattamento, per la gestione della Sua donazione ed operazioni a ciò strumentali, nonché per informare su iniziative, attività e progetti realizzati anche grazie al contributo erogato, per l'invio della rivista riservata ai sostenitori e soci e della e-newsletter. Le informazioni saranno inviate anche via e-mail, se espressamente richiesto. I dati saranno trattati, manualmente ed elettronicamente con metodologie di analisi statistica, esclusivamente dalla nostra associazione e dai responsabili preposti a servizi connessi a quanto sopra; non saranno comunicati né diffusi né trasferiti all'estero e saranno sottoposti a idonee procedure di sicurezza. I Suoi dati sono trattati per i predetti fini dai soggetti incaricati all'elaborazione dati e sistemi informativi, alla gestione dei rapporti con i sostenitori ed i servizi connessi (es.: incassi, amministrazione), alla realizzazione di messaggi informativi, agli organizzatori di campagne di raccolta fondi. Ai sensi dell'art. 7, d. lgs 196/2003, potrà esercitare i relativi diritti fra cui consultare, modificare, cancellare i dati od opporsi al loro trattamento per fini di invio di materiale informativo rivolgendosi al titolare al suddetto indirizzo o all'e-mail serviziosoci@lav.it o a LAV Lega Antivivisezione Viale Regina Margherita 177, 00198, Roma