Combattimenti tra galli:LAV presenta denuncia e chiede il sequestro

Combattimenti tra galli organizzati da alcuni ragazzi in via Ramelli a Codogno (Lodi), documentati dai filmati girati da alcuni testimoni e inviati alla redazione de «Il Cittadino».

È quanto riporta un articolo pubblicato ieri sul quotidiano Lodigiano. Nei video, secondo l’articolo, si vedono tre giovani che liberano due galli per farli combattere e gli animali che iniziano a beccarsi alla testa e al colo. Tutto si sarebbe svolto in un’aiuola vicina a un’officina e a alcune roulotte di giostrai che stazionano in città. L’episodio non sarebbe isolato, altre testimonianze, infatti, riferirebbero di fatti simili accaduti in altri giorni.

“Chiediamo indagini celeri per individuare le persone che si vedono nei video e l’immediato sequestro degli animali, dando la nostra disponibilità a prendere in affidamento i galli sequestrati”, afferma Ciro Troiano, criminologo, responsabile dell’Osservatorio Zoomafia della LAV, che nelle prossime ore presenterà denuncia alle Autorità competenti.

I combattimenti fra galli sono una realtà poco conosciuta nel nostro Paese, tuttavia in passato sono state portate a termine operazioni di polizia in diverse regioni, con sequestro di animali e denunce di persone. Insieme ai più noti combattimenti tra cani, rappresentano una pericolosa attività criminale.

Per questo la LAV, per contrastare il preoccupante aumento del reato di combattimenti tra animali, ha riattivato il numero della LAV “SOS Combattimenti”: tel. 064461206.