5 cuccioli di lupo morti nel Parco Nazionale. Indagini rapide ed efficaci!

“Se le analisi di laboratorio dovessero confermare una responsabilità umana nella morte dei cinque cuccioli di lupo, si tratterebbe di un atto vigliacco, di una violenza inaudita, compiuto nei confronti di esseri viventi che solo da pochi giorni avevano aperto gli occhi alla nuova vita. Un atto indegno di una società civile che ricorda a tutti noi quanto ignobile possa essere l’animo umano”, così Massimo Vitturi, responsabile LAV Area Animali selvatici, commenta la notizia del ritrovamento di cinque cuccioli di lupo morti, nella zona di Opi (L’Aquila), all’interno del Parco Nazionale d’Abruzzo, Lazio e Molise.

Un’area nella quale i lupi sono stati sempre presenti, indicata come esempio della possibilità di pacifica convivenza tra l’attività di pastorizia e la presenza dei lupi. Si tratterebbe quindi di un’uccisione che non avrebbe neppure il pretesto del conflitto tra le attività umane e la presenza del lupo. 
Per questo la LAV mette a disposizione la somma di 10.000€ come ricompensa per chi fornirà informazioni utili ad identificare gli eventuali responsabili della morte dei piccoli, e auspica indagini veloci e efficaci.

La LAV chiede, ancora una volta, l’approvazione in tempi strettissimi del Piano lupo, con l’esclusione del capitolo che prevede l’uccisione dei lupi, caldeggiato dal Ministro Galletti  con lo scopo di “stemperare” i conflitti sul territorio, “il ritrovamento dei cinque cuccioli di lupo morti in una zona dove gli allevatori sono da sempre abituati a convivere con la presenza dei lupi e dove, quindi, non sono mai state registrate criticità di particolare rilievo, conferma che è necessaria l’approvazione del Piano, che prevede  importanti provvedimenti di contrasto del bracconaggio, vera piaga nazionale che però il Ministro Galletti non pare affatto interessato a contrastare efficacemente”, conclude Vitturi.