Salviamo le foche. Oggi un'altra battaglia vinta all'UE

Questa mattina la Commissione IMCO (Mercato Interno e tutela del Consumatore) del Parlamento Europeo ha votato il parere di merito sulla proposta della Commissione UE di modifica del Regolamento (CE) 1007/2009 sul divieto di commercio di prodotti di foca.

Sono stati respinti tutti i peggiori emendamenti che avrebbero consentito di aggirare il divieto generale, ma purtroppo altri che puntano ad incoraggiare il consumo di prodotti derivanti da caccia praticata da popolazioni indigene sono stati approvati.

“Il divieto europeo al commercio di prodotti di foca è costantemente sotto tiro da parte dell’industria che non vuole rinunciare allo sfruttamento di questi animali. Oggi la LAV, con uno strutturato lavoro di collaborazione con le principali ONG europee ed internazionali, ha potuto vincere una ulteriore battaglia evitando il raggiro del divieto. L’iter legislativo si concluderà entro settembre e probabilmente ci saranno altri tentativi della lobby dei cacciatori che ci impegneremo a respingere con fermezza, grazie al sostegno di milioni di cittadini che stanno dalla parte degli animali”, dichiara Simone Pavesi, responsabile LAV Campagna Pellicce. 

La LAV ringrazia gli europarlamentari italiani che maggiormente si sono impegnati in questa battaglia di civiltà a favore delle foche: Marco Zullo e Giulia Moi (dell’EFDD).

Claudia Squadroni

COMUNICATO INTEGRALE