Oltre il filo spinato di Green Hill

"Un giorno il mondo guarderà alla vivisezione praticata in nome della scienza come adesso si guarda ai roghi degli eretici in nome della religione"
Henry Jacob Bigelow, chirurgo americano e professore ad Harvard

Queste e molte altre le testimonianze, di chi rinnega questa pratica crudele e inutile, presenti nel libro “Oltre il filo spinato di Green Hill. La vivisezione esiste ancora. Come e perché superarla”. 

Troppo spesso viene data voce ai ricercatori che usano animali i quali promuovono, grazie a compiacenti media, una ricerca sicura che garantisce il benessere degli animali nei laboratori e la cura dei malati, ma la realtà è ben lontana da questa macabra favola, infatti la vivisezione è un enorme business economico che fonda le sue radici su milioni di vittime animali e umane.

Inoltre, la lobby farmaceutica imbroglia l’opinione pubblica alimentando falsi stereotipi come “senza la sperimentazione animale non ci potremmo più curare” o “la vivisezione non esiste più” e ancora “muoiono molti più animali per la macellazione che nei laboratori” (tratto dal capitolo I falsi miti): quante volte ognuno di noi ha sentito queste frasi! E’ importante saper ribattere smantellando tali opinioni tristemente radicate con alcuni semplici dati.

Un esempio che parla da solo: in Europa, come negli Stati Uniti, le morti per reazioni ai farmaci sono comprese fra 200.000 e 300.000 ogni anno e quasi il 40% dei farmaci o non è efficace o causa effetti collaterali. Il tasso di segnalazione di eventi avversi da farmaci è praticamente raddoppiato negli ultimi anni, infatti come ha dichiarato provocatoriamente la giornalista Jessica Fraser “le statistiche dimostrano come i farmaci siano del 16.400% più letali dei terroristi”.

Per essere al nostro fianco in questa battaglia, conoscere la verità che spesso ti viene nascosta e dare voce a chi non ce l’ha.

Oltre il filo spinato di Green Hill

DISPONIBILE NELLO SHOP LAV