Toscana, la legge ammazza-cinghiali al voto decisivo. Fermiamola!

E’ stata approvata questa mattina a maggioranza, nel corso dei lavori della seconda Commissione consiliare, la proposta di Legge n. 27 voluta dall’Assessore alla Caccia Remaschi. Una proposta che vuole liberalizzare la caccia ai cinghiali e ad altri ungulati e che potrà comportare l’uccisione di 250.000 animali da parte dei cacciatori toscani.

Una proposta di Legge che viene spacciata dalla Giunta Rossi come la soluzione al problema degli incidenti stradali causati dai cinghiali, dimenticando che le colline toscane rischiano così di diventare dei veri e propri campi di battaglia, con cacciatori armati di fucili simili a quelli da guerra, utilizzabili anche al buio. Uno scenario apocalittico per tutti i cittadini e i turisti che vorrebbero usufruire delle risorse naturali della regione, senza rischiare di finire nel mirino dei cacciatori.

La proposta dovrà essere sottoposta al voto dell’aula del Consiglio Regionale della Toscana. In quel contesto sarà necessario che le forze politiche di opposizione, assieme alle  associazioni per la tutela degli animali e dell’ambiente e ai tanti cittadini contrari alla legge massacra-cinghiali, sostengano con forza la necessità di cambiare rotta.

Blocchiamo una legge che comporterà grandi benefici economici per i cacciatori ed il versamento del sangue di centinaia di migliaia di animali, senza peraltro risolvere i problemi loro imputati!

Massimo Vitturi
Responsabile LAV Animali Selvatici