Sartiglia Oristano costa la vita a un cavallo: denunceremo i responsabili

Denunceremo alla Procura della Repubblica di Oristano i responsabili della morte del cavallo infortunatosi durante la “Sartiglia” che si è svolta domenica 11 febbraio.

L’animale si è infortunato lungo il percorso di terra battuta allestito nel centro di Oristano per la giostra equestre che si svolge ogni anno in occasione del Carnevale. Le immagini lo ritraggono con la zampa visibilmente spezzata, l’arto penzolante, mentre il macabro spettacolo va avanti e l’animale continua a correre sotto gli occhi degli spettatori. Secondo fonti ufficiose, l’animale sarebbe successivamente stato abbattuto.

“Chiediamo di procedere agli accertamenti necessari a stabilire cause e responsabilità di quanto avvenuto, a partire dall’autopsia indipendente sul cadavere del cavallo – dichiara Nadia Zurlo, responsabile Area Equidi – auspichiamo, inoltre, l’intervento del Prefetto, dei Ministeri dell’Interno e della Salute, e l’istituzione di una Commissione Ministeriale che faccia piena luce sulla sorte di tutti i cavalli deceduti in questa manifestazione: quello di domenica, infatti, non è il primo incidente costato la vita a un cavallo durante la Giostra della Sartiglia”.

Ci chiediamo infine come sia possibile che la manifestazione sia stata autorizzata, visti i precedenti della Sartiglia e la protesta per i controlli anti doping e alcol test disposti dalla Questura. E' paradossale che si scioperi per gli eccessivi controlli, proprio mentre un animale muore in modo terribile sotto gli occhi del pubblico: quella di ieri è la messa in scena di una tragedia annunciata, non un semplice incidente né una fatalità!

(foto dal sito Youtg.net)