Indagine shock sui maiali destinati anche a Prosciutto di Parma e altre "eccellenze"

Recenti filmati sulle condizioni di sei allevamenti di suini in Italia, alcuni dei quali risulterebbero destinati alla produzione del Prosciutto di Parma e di prosciutti di altre DOP, hanno rivelato pratiche illegali, mancanza di igiene e di cure veterinarie, presenza di parassiti e totale indifferenza nei confronti del benessere di animali altamente intelligenti che vengono trasformati in alcuni dei salumi più prestigiosi e rinomati d’Italia.

“Infestazioni di topi, box sporchi e strutture fatiscenti, sovraffollamento di suini, cannibalismo, pratiche illegali come le mutilazioni, arricchimenti ambientali insufficienti: è l’orrore documentato da una sconvolgente investigazione in sei allevamenti dislocati nelle province di Brescia, Mantova e Cremona, e alcuni dei quali sarebbero destinati alla produzione di Prosciutto di Parma e di prosciutti di altre DOP. Ci chiediamo come sia possibile tollerare, non solo per gli animali ma anche per i consumatori, queste condizioni di allevamento: sono questi gli standard di “eccellenze” che vengono finanziate dall’Unione Europea? – afferma Roberto Bennati, vicepresidente della LAVChiediamo al Ministro della Salute e ai Responsabili dei servizi veterinari delle Regioni, se anche questa volta sentiremo dire che si tratta di casi isolati e che il sistema dei controlli (a campione) funziona: quali controlli sono stati svolti su queste strutture e quali provvedimenti saranno presi? In quali supermercati e su quali tavole finirà la carne e il prosciutto di suini allevati in queste condizioni?”

Grazie all'attuale campagna End Pig Pain di Eurogroup for Animals e alle nostre organizzazioni affiliate, sono state già raccolte 500.000 firme di cittadini di tutto il mondo, con le quali si invitano gli Stati Membri europei (Ministri nazionali dell'Agricoltura) e dell'UE a far rispettare pienamente la legislazione UE sul benessere dei suini.

Il caso segnalato è emblematico di una mancanza molto più diffusa di applicazione della vigente legislazione sul benessere dei suini che deve essere affrontata con urgenza. FIRMA ORA!

COMUNICATO INTEGRALE