Torino:dopo diffida stop certificazione medica per menu vegan a scuola

Il Comune di Torino non chiederà più la certificazione pediatrica alle famiglie dei bambini che nelle scuole sceglieranno l'alimentazione vegana. Scegliere di mangiare alimenti privi di derivati animali, infatti, è una scelta etica e culturale, non un’allergia né una malattia. 

Questo il risultato ottenuto dalla LAV, che aveva inviato al Comune una diffida con la recente nota richiesta e ottenuta a firma del Ministero della Salute in applicazione delle Linee Guida nazionali sulla ristorazione scolastica che non pongono alcuna discriminazione, così come una sentenza del TAR di Bolzano, che aveva riammesso alle lezioni una bambina addirittura espulsa perché la madre si rifiutava di fornire un certificato medico.

L'Assessora alle Politiche educative del Comune di Torino, Mariagrazia Pellerino, ha infatti risposto alla diffida della LAV che "è stato evidenziato che per la richiesta di menù senza proteine animali non è necessaria alcuna certificazione medica” e che “si provvede alla revoca delle disposizioni contenute al punto 2 della circ. prot.n. 6408/044 del 12 maggio 2015 ad oggetto ‘modalità e termini per l'inoltro delle richieste di attivazione, rinnovo, sospensione diete speciali/attivazione, sospensione menù alternativi’". Il Comune di Torino ha quindi emanato una nuova circolare con le disposizioni aggiornate.

"Siamo contenti per questo atto dovuto da parte dell'Amministrazione comunale - ha detto Paola Segurini, responsabile nazionale LAV Area Scelta Vegan – che rappresenta un motivo in più per tutte le famiglie, aldilà delle loro scelte alimentari, di riflettere sul grande valore non solo etico ma anche ambientale e di salute, dell’alimentazione vegana, che potranno conoscere meglio anche dal nostro sito www.cambiamenu.it".

Barbara Paladini