Home | Notizie | A Modena un aiuto per chi è in difficoltà economica e vive con animali

A Modena un aiuto per chi è in difficoltà economica e vive con animali

Nel comune di Modena è stata varata una misura a sostegno dei cittadini con basso reddito che vivono con cani e gatti. Un provvedimento giusto e lungimirante che dovrebbe essere preso a esempio da altri comuni.

Leggi l'articolo

Ultimo aggiornamento

giovedì 28 luglio 2022 12:12

Topic

#AnimaliFamiliari

Condividi

A Modena un aiuto per chi è in difficoltà economica e vive con animali

Una misura di sostegno ai cittadini con basso reddito che vivono con cani e gatti. Questo il provvedimento varato dal Comune di Modena che risponde a una proposta che la sede locale LAV aveva avanzato fin dai primi mesi della pandemia per salvaguardare il legame che unisce tante famiglie in difficoltà economica con i loro compagni di vita a quattro zampe e per scongiurare gli abbandoni. Il servizio prevede un contributo massimo per le prestazioni veterinarie di 150 euro oppure di 200 euro nel caso in cui l'animale sia stato adottato presso un canile/gattile del Comune di Modena.

“Il costo delle prestazioni veterinarie è una delle voci più impattanti sul bilancio delle famiglie che vivono con cani e gatti. – evidenzia LAV - In Italia queste spese, così come quelle per il cibo per animali, sono infatti tassate al 22% e sono considerate vere e proprie spese di lusso. Il provvedimento del Comune di Modena va nella direzione di giustizia sociale che vogliamo raggiungere con la campagna #ipiùtassati #curiamolitutti, lanciata nel 2018, finalizzata a ottenere bonus per le spese veterinarie e cibo a favore degli animali che vivono con cittadini in condizione di fragilità economica e all’ottenimento di un fisco più giusto per gli animali e le loro famiglie. Lavoreremo affinché altri Comuni seguano questa strada virtuosa, sottolineando ulteriormente l’importanza di prevedere anche un “bonus adozioni” che incentivi le adozioni da canili e gattili da spendere in prodotti per l’alimentazione, la salute e il benessere dell’animale. Le adozioni sono fondamentali sia per gli animali, sia per la società tutta poiché permettono di risparmiare i costi di mantenimento degli animali nelle strutture di accoglienza.”

La necessità di prevedere misure che favoriscano la convivenza con gli animali familiari è tanto più urgente a causa delle difficoltà economiche determinate dall’epidemia di Covid-19 e dalle conseguenze della guerra in Ucraina e deve diventare la risposta a un bisogno della società attuale che, sempre di più, considera il cane o gatto come un membro della famiglia a tutti gli effetti.

Fino ad ora la campagna ha permesso di ottenere alcuni importanti risultati come un aumento della soglia per la detrazione fiscale delle spese veterinarie e la possibilità di usare in medicina veterinaria il farmaco che contiene lo stesso principio attivo di quello umano, ma è meno costoso.

Chiediamo fin da subito al nuovo Governo e al nuovo Parlamento di fare un passo concreto per facilitare la vita con gli animali e gettare le basi di una società più equa riducendo l’IVA sulle prestazioni veterinarie e il cibo per animali, esentando le prestazioni veterinarie per gli animali adottati e quelle per l’identificazione, il controllo della riproduzione e le vaccinazioni, nonché abbattendo il costo spropositato del farmaco veterinario. Chiediamo altresì di prevedere misure di sostegno sotto forma di bonus da spendere in beni e servizi come il cibo e le cure per gli animali che vivono in nuclei socialmente fragili e per quelli adottati da un canile o da un gattile.