Home | Notizie | I cani soffrono il caldo: ecco i nostri consigli per aiutarli

I cani soffrono il caldo: ecco i nostri consigli per aiutarli

Le alte temperature sono molto pericolose per i nostri compagni di vita a quattro zampe. In estate i cani possono essere soggetti al pericoloso colpo di calore, potenzialmente mortale, è bene quindi adottare alcuni accorgimenti per tutelarli.

Leggi l'articolo

Ultimo aggiornamento

lunedì 18 luglio 2022 16:44

Topic

#AnimaliFamiliari

Condividi

I cani soffrono il caldo: ecco i nostri consigli per aiutarli

Le alte temperature di questi giorni sono molto pericolose per i nostri compagni di vita a quattro zampe. I cani, a differenza nostra, non sudano attraverso la pelle per tutta la superficie corporea, ma solo dai polpastrelli.

Ecco perché il loro sistema di raffreddamento si basa principalmente sullo scambio di aria a livello polmonare e sul passaggio di aria fresca intorno a loro. In estate i cani possono essere soggetti al pericoloso colpo di calore, potenzialmente mortale, è bene quindi adottare alcuni accorgimenti per tutelarli:

  • Lasciare sempre acqua fresca e pulita a disposizione;
  • Non portarli in giro nelle ore più calde;
  • Evitare di fare lunghi tratti sull’asfalto rovente perché può raggiungere temperature molto elevate e scottare i polpastrelli;
  • In giardino, se non ci sono ripari o ombra naturale di alberi o cespugli, creare zone d’ombra con ombrelloni o gazebo in punti arieggiati;
  • Non lasciare mai il cane in auto, neanche per pochi minuti, perché l’abitacolo può raggiungere velocemente fino 50°;
  • Per dare refrigerio e aiutarlo ad abbassare la temperatura corporea, bagnarlo sulle zampe, le ascelle e tutte le parti senza pelo, in modo da stimolare l’evaporazione;
  • Evitare sbalzi termici tra il caldo esterno e ambienti interni con aria condizionata;
  • Se il cane lo gradisce, mettere a disposizione tappetini refrigeranti. Vigilare sull’utilizzo perché contengono gel potenzialmente tossici;
  • Non tosarli pensando di farli stare più freschi: il pelo è una barriera naturale che aiuta a mantenere la temperatura corporea, tosandoli li si espone quindi al rischio di surriscaldamento e scottature;
  • Non farli correre legati a biciclette, pratica molto pericolosa e vietata dal codice della strada.