Un lieto fine per la colonia felina dell'Istituto Ispettori Polizia di Nettuno

A settembre, il Direttore dell'Istituto per Ispettori della Polizia di Stato di Nettuno (RM) aveva emanato una nota con la quale, nel richiamare l’attenzione di tutto il personale e dei responsabili di Sezione Didattica sul rispetto delle basilari norme igieniche per il mantenimento della salubrità degli ambienti di lavoro, ribadiva la necessità di non mettere in atto comportamenti che avrebbero potuto favorire lo stazionamento dei gatti all’interno del Compendio del citato Istituto come creare cucce e somministrare cibo.

  • Alla nostra prima lettera, con la quale confidavamo nell’impegno concreto del direttore nell’applicazione effettiva del quadro normativo vigente, la risposta del direttore ci aveva lasciato insoddisfatti.
  • Abbiamo dunque inviato una seconda istanza con la quale abbiamo fatto presente la situazione al Ministro dell’Interno e al Capo della Polizia di Stato ribadendo la necessità e l’urgenza di disporre la rettifica della nota affinché fossero garanti il benessere degli animali e i loro diritti.

A seguito della seconda istanza il Direttore dell'Istituto ci ha comunicato che è stata diffusa una nuova disposizione secondo la quale sarà predisposta una stazione all’interno del compendio dove i gatti potranno trovare acqua ed essere alimentati nel rispetto dei luoghi.

L’Istituto ha pertanto individuato una soluzione di buon senso e rispettosa della normativa che ai sensi della legge 281/91, della Legge regionale 34/97 e della giurisprudenza riconosce alle colonie feline il diritto al territorio e a essere alimentate.

Un piccolo, ma importante risultato questo non solo per felini, ma anche per coloro che se ne prendono cura. #NONLASCIAMOSOLONESSUNO

Ilaria Innocenti
Responsabile LAV Animali Familiari