Home | Notizie | Delfini, ex-addestratore Lopez: «I delfinari sono prigioni!»

Delfini, ex-addestratore Lopez: «I delfinari sono prigioni!»

Leggi l'articolo

Ultimo aggiornamento

giovedì 12 giugno 2014 22:00

Topic

Condividi

«I delfinari sono luoghi innaturali, sono delle prigioni: visitarli, significa essere complici delle sofferenze inflitte agli animali». A bocciare, senza se e senza ma, i parchi acquatici, è Albert Lopez (55 anni, psicologo, educatore ambientale, monitora le popolazioni di delfini in Catalunya): una esperienza trentennale in zoo e delfinari in Spagna e in Italia, ora collabora conSOSdelfines e con la LAV per la campagna #LAVeralibertà.

Intervistato da Beatrice Montini del Corriere della Sera, Albert Lopez ci spiega perché «non si può fare educazione ambientale con animali in cattività» e perché è importante lasciare gli animali nel loro ambiente naturale, tutelarli nel loro habitat. 

«Per delfini e orche in cattività i fattori di stress sono davvero molti – spiega Albert Lopez - Sono mammiferi con forti legami sociali e familiari: la separazione che subiscono al momento della cattura o quando vengono trasferiti da una struttura ad un’altra, è per loro una grandissima sofferenza. La prigionia nelle vasche, in spazi terribilmente limitati rispetto ai chilometri che percorrono ogni giorno in natura, la deprivazione sociale e quella alimentare (in natura si procurano cibo fresco, nei delfinari devono attendere  la somministrazione di pesce scongelato e di integratori), i rumori subiti nei delfinari (musica, visitatori, le vasche amplificano i rumori, i delfini hanno un udito particolarmente sviluppato). Un altro grave fattore di rischio riguarda le sostanze chimiche usate per sterilizzare l’acqua delle vasche dei delfinari: queste sostanze possono avere un effetto irritante sulla pelle e sulla mucosa di questi animali».

«Quando vediamo un uccello in gabbia – dice Lopez – ci è chiaro che si tratta di un animale privato della sua libertà. Vediamo le sbarre. Ma per i cetacei che vivono in acqua ci sembra diverso. Non pensiamo che anche la vasca, come una gabbia, è un luogo di reclusione. Invece lo è».

Guarda l’intervista ad Albert Lopez e condividila con i tuoi conoscenti: video realizzato da Andrea Parente.

Sostieni con noi #LAVeralibertà: firma anche tu la petizione per ottenere una legge che metta fine a questi circhi d’acqua, sensibilizza amici e parenti e non visitare queste prigioni. La vera casa dei delfini è i mare!