#IPIÙTASSATI: emendamenti a Legge di bilancio. Gli animali non sono beni di lusso

Le istanze per ridurre la pressione fiscale (con particolare riferimento all’IVA sulle prestazioni sanitarie e sul cibo per cani e gatti adottati, oggi equiparata a quella per i beni di lusso) che da anni portiamo avanti con tutto il mondo animalista e veterinario, potranno diventare legge nelle prossime settimane se Parlamento e Governo approveranno gli  emendamenti alla Legge di Bilancio presentati oggi dall’Intergruppo parlamentare Animali durante una conferenza stampa che si è tenuta nel primo pomeriggio nella sala “Caduti di Nassirya” del Senato, alla presenza di Gianluca Felicetti, presidente LAV.

Vivere con un animale domestico, infatti, non deve più essere considerato un lusso. E noi a questo tema abbiamo dedicato la campagna #IPIÙTASSATI: dopo il lancio nel marzo scorso di una petizione indirizzata a Governo e Parlamento per chiedere che il Fisco non consideri più gli animali familiari “beni di lusso”, ora vogliamo concentrare l’attenzione sui farmaci veterinari per evidenziare l’incredibile questione degli elevati costi di questi prodotti e della differenza di prezzo rispetto a quelli per uso umano.

Con la campana #CURIAMOLITUTTI vogliamo ottenere l’equiparazione dei costi ora sproporzionati dei farmaci veterinari, il riconoscimento del farmaco generico anche in veterinaria e l’uso del farmaco-equivalente, il confezionamento dei farmaci veterinari in blister mono-multi uso in maniera da ottimizzare spese ed evitare sprechi.

E dall’8 al 16 dicembre LAV vi invitiamo a partecipare attivamente al primo “Banco farmaceutico” organizzato in decine di città, per aiutare i quattro zampe in difficoltà, costretti a subire gli elevati costi dei farmaci veterinari. Un problema che ricade sulle casse pubbliche, per quanto riguarda la cura delle migliaia di animali nei canili, ma anche sulle famiglie che vivono con milioni di animali tra cani, gatti e altri pet.

Verifica nei prossimi giorni la lista aggiornata delle piazze qui