Geox sceglie di essere Fur Free!

Una moda sostenibile non sacrifica gli animali!

Geox, azienda leader nel settore calzature e abbigliamento, ha scelto di aderire allo Standard Internazionale Fur Free: a partire dalla collezione autunno-inverno 2013/14, l’azienda di Montebelluna (Treviso) non userà più pellicce animali!

Niente più pellicce quindi, neppure quelle di cane-procione (detto Murmasky) e di coniglio, presenti nelle precedenti collezioni, con un conseguente significativo e positivo impatto per la tutela di questi animali. 

GEOX ha deciso di essere più sostenibile utilizzando prodotti tessili alternativi: in commercio esistono già materiali (fibre sintetiche ma anche vegetali) che replicano con estrema accuratezza la pelliccia vera assicurando anche una filiera produttiva più ecologica, come dimostrato dagli studi di LCA (Life Cycle Assessment).

La pelliccia ecologica è veramente eco, mentre la pelliccia cosiddetta “naturale” (quella vera, derivata dall'uccisione di animali) in fase di lavorazione necessita di trattamenti chimici con sostanze tossiche, che possono rimanere in forma residua sul capo indossato, oltre ad essere causa di elevato impatto ambientale durante le fasi di alimentazione e gestione degli animali in allevamento, così come per la manutenzione e pulizia del capo finito e indossato.

Con la sua nuova politica aziendale fur-free GEOX potrà permettere ai consumatori di identificare più facilmente l'abbigliamento senza pelliccia, informandoli sulle scelte delle aziende di moda.

Con l’adesione allo Standard, il brand Geox è stato così inserito nel nostro elenco delle aziende virtuose  pubblicato su nonlosapevo.com e sul portale furfreeretailer.com.

Con questa nuova politica industriale Geox rinnova le proprie collezioni con un messaggio di alto valore etico, dimostrando che si può fare business, anche in un mercato altamente competitivo, senza fare uso di pellicce animali. Una politica responsabile che fa di Geox un’azienda trend-setter alla quale molti altri brand italiani dovrebbero fare riferimento. Una garanzia per i consumatori, una grande soddisfazione per noi che da sempre denunciamo le atrocità della produzione di pellicce e chiediamo che tutti, produttori e consumatori, s'impegnino a rispettare animali e ambiente.

“Da tempo Geox persegue una strategia di sempre maggior sostenibilità dei propri prodotti e presta  molta attenzione ai materiali utilizzati per le sue collezioni limitando l’utilizzo della pelliccia a pochi modelli. Il passaggio  al  fur-free è stato dunque una scelta consapevole perché, grazie alla LAV, abbiamo compreso che sono disponibili validi materiali alternativi, meno inquinanti e meglio performanti, che possono facilmente sostituire la pelliccia naturale causa di molte sofferenze per milioni di animali – dichiara l’azienda - Ma questa non è semplicemente una scelta stilistica o commerciale: con l’adesione allo Standard Internazionale Fur Free riconosciuto dalle principali associazioni animaliste nel mondo, Geox contribuisce direttamente a diffondere ai propri consumatori il messaggio di una maggiore consapevolezza invitandoli  a orientare i propri acquisti verso prodotti che non contengano pelliccia animale”.