Giostra dell'Orso: gravissimo si continui a correre con processo in corso

Rimaniamo basiti di fronte alle posizione della nuova Giunta di Pistoia - ed in particolar modo dell'Assessore Sabella, che ha deleghe dedicate alla Giostra dell'Orso - che introduce nuove regole che, di fatto, incentivano la velocità dei cavalli nella Giostra.

Premesso che per LAV l'unica soluzione percorribile è quella di una manifestazione che non coinvolga lo sfruttamento degli animali, troviamo gravissima la scelta dell'assessore Sabella di introdurre nuove regole che, diminuendo il tempo minimo di percorrenza dell'anello di corsa, rappresentano di fatto uno stimolo ad aumentare la velocità. Un fatto tanto più grave se si considera che, attualmente, è ancora in corso un processo per i cavalli morti nell'edizione del 2014.

Invece di pensare ad una manifestazione che non sfrutti gli animali, l'Assessore Sabella introduce nuove regole che potrebbero ulteriormente aumentare il rischio di incidenti. Un fatto, questo, che abbiamo appreso dagli organi di stampa, non essendo state informate né le associazioni animaliste ed ambientaliste, né essendoci stata una specifica discussione in Consiglio Comunale.

"Rimaniamo fermamente convinti che l'unica soluzione è una Giostra senza animali, perché non esistono regole che possano tutelare davvero gli animali dai rischi di queste assurde manifestazioni. Sul sito www.nogiostradellorso.it - costruito insieme ai volontari di LAV Pistoia - sono raccolte tutte le pagine originali dei giornali locali che parlano dei cavalli morti, feriti ed abbattuti durante le varie edizioni della Giostra dell'Orso. Navigando il sito chiunque si può rendere conto dell'assurdità e della pericolosità di tale manifestazione" dichiara Lorenzo Lombardi, storico attivista Lav di Pistoia, già Presidente della Commissione Ambiente del Comune dal 2007 al 2012, che nel 2014, dopo i tragici eventi che hanno visto morire 2 cavalli, raccolse oltre 34.000 firme per chiedere la chiusura della Giostra.