Attacco a "Indovina chi viene a cena". Associazioni scrivono a Rai

In una lettera inviata oggi ai vertici RAI e alla Commissione Parlamentare di Vigilanza, con Animal Equality, CIWF, ENPA , Essere Animali, LAC, Legambiente, LIPU  e WWF Italia, abbiamo manifestato pieno sostegno alla trasmissione “Indovina chi viene a cena” e alla giornalista Sabrina Giannini, recentemente oggetto di duri attacchi da parte di piccole ma agguerrite lobby.

La trasmissione ha sempre prodotto reportage di alto livello che, con grande cura dei particolari, veicolano concetti basati su solide fondamenta scientifiche e giuridiche, senza mai incorrere in semplificazioni o strumentalizzazioni ideologiche. – commentano le associazioni –  La giornalista e tutta la redazione hanno infatti realizzato servizi di  grande qualità su temi molto sensibili e di grande rilievo socio-culturale come gli allevamenti intensivi, la caccia e la gestione della fauna selvatica, le scelte alimentari, le relazioni tra ambiente e salute umana, permettendo al grande pubblico di informarsi correttamente”.

Affrontare argomenti complessi e scabrosi crea sempre molto scalpore, soprattutto se quanto raccontato contrasta con altri interessi privati, ma siamo certi che il servizio pubblico forte della sua autorevolezza, continuerà ad affrontare questi temi senza essere influenzato da pressioni di qualsiasi genere".

Quello svolto da “Indovina chi viene a cena” è un lavoro di approfondimento, sensibilizzazione, denuncia, di ogni abuso e illegalità: “per questo, è estremamente importante che il programma non subisca battute d’arresto e che continui ad essere un punto di riferimento non solo per chi ha una particolare sensibilità verso la natura e gli animali ma per tutti i cittadini italiani che intendono approfondire questioni importantissime per il nostro stesso benessere, presente e futuro”.