Home | Notizie | Bolzano: legge amazzalupi, un pretesto per aprire la caccia a questi animali

Bolzano: legge amazzalupi, un pretesto per aprire la caccia a questi animali

Già dal 2 settembre potrebbe essere ucciso il primo lupo con la farsa delle “zone pascolive protette".

leggi l'articolo

Ultimo aggiornamento

giovedì 24 agosto 2023 14:20

Topic


Animali esotici

Condividi

Ci opporremo in ogni sede a questa deriva ammazzalupi

Dopo la pubblicazione del decreto provinciale dello scorso 17 agosto, con il quale la Provincia di Bolzano definisce l’istituzione delle cosiddette “zone pascolive protette”, è ormai chiara la strategia della politica altoatesina per poter uccidere quanti più lupi possibile su tutto il territorio provinciale, in spregio delle norme europee e nazionali di tutela.

Con tale documento la Provincia stabilisce che ben nel 98% delle malghe presenti sul territorio diventa legittima l’uccisione dei lupi. Ma ciò che lascia più sconcertati sono gli assurdi criteri, adottati dalla Provincia con delibera dell’8 agosto, per definire quelle che sono “le zone pascolive protette”.

Per rientrare tra il 98% delle malghe dove sarà possibile uccidere i lupi, infatti, è sufficiente che nel territorio della malga sia presente, ad esempio, un corso d’acqua o un sentiero, oppure la mancanza di una cuccia adeguata per il cane da guardiania.

E per rientrare in quella percentuale è anche sufficiente che il 10% del territorio della malga sia coperto da boschi o da terreni sassosi, se poi destinare un terreno sassoso al pascolo sia un’assurdità evidente anche ai non pastori, poco importa: in quella malga si potranno comunque uccidere i lupi.

Le disposizioni provinciali di Bolzano sembrano scritte direttamente dal dagli agricoltori e allevatori locali, che da sempre rifiutano  l’adozione delle misure di prevenzione dalle predazioni del lupo, come avviene invece in tutto il resto d’Italia.

Nel 2022 tramite un accesso agli atti,  avevamo potuto dimostrare che nelle 1.488 malghe attive in tutta la Provincia, gli allevatori avevano in carico solamente 33 recinti anti-predazione, evidenziando così le loro dirette responsabilità degli atti predatori compiuti dai lupi

La Giunta provinciale bolzanina, evidentemente in pieno furore pre-elettorale e alla spasmodica ricerca di voti, sembra abbia solamente messo la firma ad atti scritti sotto dettatura dagli allevatori che non hanno alcuna intenzione di adottare le misure di prevenzione delle predazioni una vera e propria guerra scatenata da anni anche attraverso slogan e immagini truculente in tutta la provincia, giunge ora all’apice con la decisione dell’assessore Schuler di uccidere il primo lupo. Massimo Vitturi - responsabile  Area Animali Selvatici

Non è tollerabile che una parte dello Stato italiano se ne infischi così platealmente di norme e leggi nazionali ed europee, è un vero atto di sfida alle nostre istituzioni e al nostro ordinamento democratico che non può essere accettato.

La Provincia dichiara di avere già chiesto il parere di ISPRA per procedere con la prima uccisione, in caso di riscontro positivo, già dal 2 settembre i fucili dei forestali bolzanini potrebbero fare la prima vittima. Stiamo già preparando il ricorso al TAR per bloccare questo vergognoso atto che per la prima volta in Italia potrebbe comportare l’uccisione di un lupo, colpevole solo di essersi cibato di animali che gli allevatori gli hanno lasciato a disposizione. Non resteremo a guardare e ci opporremo in ogni sede a questa deriva ammazzalupi, nonostante abbia il pieno sostegno del Governo, che si è ben guardato dall’impugnare la Legge provinciale.LAV