Home | Notizie | Vittoria! Anche la Lettonia vieta l'allevamento di animali “da pelliccia”!

Vittoria! Anche la Lettonia vieta l'allevamento di animali “da pelliccia”!

Il Parlamento lettone, noto come Saeima, ha sostenuto un divieto totale dell'allevamento di animali “da pelliccia” e che entrerà in vigore nel 2028.

Leggi l'articolo

Ultimo aggiornamento

venerdì 30 settembre 2022 09:34

Condividi

Basta pellicce in Europa!

FIRMA ORA

La Lettonia è il 14esimo Stato Membro dell'UE che ha messo al bando (dal 2028) gli allevamenti di pellicce

Negli ultimi 10 anni, l'associazione per i diritti degli animali "Dzīvnieku brīvība", partner di LAV nell’ambito della coalizione internazionale Fur Free Alliance, si è battuta per questo divieto sostenuto da 42mila persone e 50 organizzazioni non governative, che hanno firmato una lettera aperta al Saeima.

Il 22 settembre 2022, in terza e ultima lettura, il Saeima ha adottato con una schiacciante maggioranza di voti (70 favorevoli, 3 contrari) gli emendamenti alla Legge sulla protezione degli animali.
Gli emendamenti sono stati presentati alla Saeima il 9 settembre 2021 da 11 parlamentari di diversi partiti politici.

Nel corso dell'anno, la Commissione per la Politica Economica, Agricola, Ambientale ha valutato diverse proposte e sostenuto la formulazione della legge che vieta l'allevamento di animali “da pelliccia” e prevede che gli allevatori non ricevano compensi economici, subordinatamente a 5 anni di periodo di transizione per lo smantellamento degli allevamenti.

Tenendo conto di precedenti casi internazionali, i membri della commissione hanno riconosciuto questo periodo di transizione come un compenso sufficiente e adeguato per gli allevatori che quindi hanno un tempo sufficiente per ridurre gradualmente la propria attività recuperando quanto investito. Di conseguenza, il divieto entrerà in vigore il 1 gennaio 2028.

Questo è un momento storico per i diritti degli animali in Lettonia: un'enorme vittoria sia per gli animali che per le persone. Vietando l'imprigionamento e l'uccisione di animali per la loro pelliccia, noi, il popolo lettone, affermiamo i nostri valori e il rispetto per gli animali come esseri senzienti. Dimostriamo che, nel nostro paese, la compassione e la ragione sono più importanti dell'avidità e dell'ostentazione. Dopotutto, il nostro atteggiamento verso i vulnerabili, gli animali, è uno specchio della nostra stessa umanità. Katrīna Krīgere, dell'associazione Dzīvnieku Brīvība

Sono quasi 300.000 gli animali come visoni, volpi, cincillà che oggi, in Lettonia, vengono allevati e uccisi ogni anno per la pelliccia.

Unisciti al nostro appello e firma la petizione!

Dopo avere ottenuto il divieto nazionale agli allevamenti di pellicce ora, con l'Iniziativa dei Cittadini Europei "Fur Free Europe", invita anche tu l'UE a:

- Vietare l’allevamento di animali per ricavarne pellicce

- Vietare nel mercato europeo il commercio di prodotti di pelliccia (quindi anche l’import)

Firma anche tu!