"Milleproroghe" e test animali sostanze d'abuso: appello a Ministro Speranza

Fermata, per ora, la proroga degli esperimenti sugli animali per alcol, droghe, tabacco e xenotrapianti.

Era contenuta nell’emendamento di Palazzo Chigi che avrebbe fatto assorbire nel Disegno di Legge di Bilancio, al voto in queste ore al Senato, il consueto Decreto “Milleproroghe” di fine anno. Ma la partita rimane aperta e vedrà decidere il Ministro della Salute Roberto Speranza, nei prossimi giorni.

Fissata nel 2014 per il 2016 e già posticipata di tre anni, la scadenza di questi inutili e dannosi test viene di volta in volta fatta slittare con la scusa, non vera, che non esistono alternative, e facendo nulla nel contempo per il loro finanziamento e sviluppo.

Chiediamo di fare come è stato già fatto a livello europeo per i test cosmetici sugli animali, quando, dopo diversi rinvii della data di abolizione, dal 1998 al 2013, la Commissione di Bruxelles fissò uno stop senza deroghe. Una decisione che ha fatto fiorire i metodi sostitutivi di ricerca (venduti, oltretutto, per brevetti milionari) con risultati più rapidi, certi ed economici e salvando la vita a migliaia di animali altrimenti costretti a sofferenze indicibili e morte.

Il nostro appello al Ministro Speranza, che da deputato approvò la prima Legge delega con questa norma restrittiva, è di non fermarsi ai pareri-fotocopia dei suoi uffici e di avere il coraggio di essere innovatore in questo campo, coniugando aspetti scientifici e etici.

Stiamo facendo recapitare al Ministro Speranza cartoline e messaggi da tutta Italia, da parte di cittadini, pazienti e ricercatori a favore dell'entrata in vigore, il 1° gennaio prossimo, del divieto dei test su animali e a favore dei metodi alternativi per sostanze d’abuso e xenotrapianti.

Sostieni l'appello

#BASTATESTANIMALI