Ministero Salute conferma: nessun certificato per pasti vegan nelle mense

Nella seduta di ieri della Commissione Affari Sociali della Camera dei Deputati il Governo ha risposto alla Interrogazione 5-03612 D'Arrando e altri (M5S) “Modifica delle Linee di indirizzo nazionale per la ristorazione ospedaliera, assistenziale e scolastica” anche su punti contestati dalla LAV e oggetto di una petizione sulla bozza delle nuove Linee Guida che saranno nelle prossime settimane adottate con Decreto del Ministro della Salute di concerto con i Ministri dell’Ambiente e delle Politiche Agricole, Alimentari e Forestali, sostituendo le attuali specifiche solo per la ristorazione scolastica.

Nel testo della risposta del Ministro della Salute letta alla Camera dalla Sottosegretaria Sandra Zampa, si può leggere, fra l’altro: “Tali affermazioni fanno intendere in maniera inequivocabile che la prescrizione medica è necessaria solo per le diete che, per cause patologiche, richiedono, necessariamente, l'esclusione di determinati alimenti. Infatti, le Linee di indirizzo a pagina 9, riguardano quanto segue: «In particolare il servizio di ristorazione scolastica deve: (...) prevedere la possibilità di pasti specifici per determinate condizioni cliniche (allergie/intolleranze) o esigenze etiche/culturali/religiose». Alla luce di quanto esposto emerge che le linee di indirizzo in esame distinguono nettamente i regimi alimentari connessi ad aspetti di natura etica, culturale e religiosa, rispetto alle diete ad esclusione, legate – si ribadisce – esclusivamente a condizioni patologiche, come le allergie e le intolleranze alimentari. Per queste motivazioni il percorso diagnostico « ad hoc» non può essere in alcun modo confuso con un regime alimentare vegetariano o vegano”.

“Qualcuno ha tentato, per fortuna senza successo, di scoraggiare le scelte alimentari vegane e vegetariane, sempre più preferite dagli italiani, fissando l’obbligo di certificazione medica per poter avere un pasto in una mensa scolastica, in un ospedale, in una residenza per anziani, tentando di smentire quanto avvenuto fino a oggi con le attuali Linee Guida ministeriali che fin dal 2010 e con una Nota chiarificatrice emanata nel 2016  stabiliscono che, non essendo una malattia, la scelta etica e culturale vegana o vegetariana di una persona, di una famiglia, così come le scelte alimentari religiose, non è sindacabile né attestabile da un medico, di responsabilità personale  - afferma Paola Segurini, responsabile LAV Area Vegan - organismi scientifici indipendenti in ogni parte del mondo hanno espresso e ribadito più volte la validità e l’adeguatezza delle scelte alimentari in tutti gli stadi del ciclo vitale con riduzione o esclusione dei prodotti di origine animale. Oggi, finalmente è chiaro che continuerà a non esserci  l’assurda richiesta del certificato medico per bambini e adulti”.