Orsi: Ministro Galletti avalla ergastolo e uccisione. Ascolti le Associazioni!

Apprendiamo con sgomento che il Ministro Galletti non è stato in grado di rivendicare la piena titolarità dello Stato nella gestione della fauna selvatica presente sul territorio, ripiegandosi sulle posizioni del Presidente Rossi ed avallando ogni sua incauta richiesta.

Lo rileviamo in seguito all’incontro avvenuto ieri pomeriggio presso il Ministero dell’Ambiente tra il Ministro Galletti ed il Presidente della Provincia di Trento, Rossi, accompagnato dall’assessore alla caccia Dallapiccola, in merito alla revisione dei protocolli gestionali degli orsi trentini, anche alla luce degli ultimi fatti che hanno visto il ferimento di un uomo.

L’asservimento del Ministero alle posizioni espresse dalla Provincia di Trento non potrà che determinare l’inaccettabile uccisione di altri orsi, il versamento del loro sangue e la loro traslocazione, per questo motivo chiediamo un incontro urgente tra il Ministro Galletti e le associazioni di tutela ambientale riconosciute a livello nazionale, coinvolgendo anche realtà estere esperte nella gestione degli orsi. La vita degli animali non può essere subordinata esclusivamente alle ragioni di chi li vuole morti o deportati.

Non una sola parola da parte del Ministro Galletti rispetto alle gravi lacune fino ad oggi dimostrate dalla Provincia di Trento nella gestione degli orsi. E il reiterato ricorso alle ordinanze provinciali che autorizzano l’abbattimento degli animali, emanate senza neppure confrontarsi con il Ministero, evidenzia una mancanza di considerazione sul tema da parte del Ministro Galletti, che sembra voler ignorare che il Presidente Rossi ha ripetutamente violato gli accordi sottoscritti con lo stesso Ministero.

COMUNICATO STAMPA