La LAV sul partito "Movimento Animalista"

Il movimento animalista già c’era e continuerà ad esistere. Il partito nato sabato scorso a Milano, si chiama “Movimento Animalista”.

Il suo “lato A”: tradurre nelle Istituzioni le istanze animaliste è da sempre stato uno dei nostri obiettivi, praticato in maniera trasversale, applaudendo in Parlamento e al Governo chi fa e bene e fischiando chi fa il contrario, ottenendo risultati parziali, anche importanti ma parziali, fino ad oggi. Il “Movimento animalista” lanciato da Michela Brambilla, amica di tante battaglie, servirà a rendere più forti e a concretizzarsi le nostre battaglie? Sarà un movimento contro tutti gli utilizzi e gli sfruttamenti degli animali, dagli allevamenti alla sperimentazione, dalla scelta vegana alla caccia, o si fermerà a cani e gatti?

Il suo “lato B”: è evidente che, aldilà delle dichiarazioni di indipendenza, avere tra i soci fondatori Silvio Berlusconi – e proprio registrando quanto da lui detto al lancio del partito – lo “incasella” nel centrodestra italiano. E non basta, al momento, la presenza di qualche ex da altre esperienze politiche locali. Servirà a condizionare programmi della coalizione con Berlusconi stesso, Salvini e Meloni? E il centrosinistra (con questi ultimi due Governi-frana per gli animali) e le altre forze politiche, lasceranno al centrodestra  l’appannaggio delle battaglie animaliste in Parlamento? Questa  vicenda  è legata al sistema elettorale proporzionale o sono impegni che vanno oltre?

Partiti animalisti ce ne sono da anni in Olanda, Germania, Inghilterra, Spagna e più recentemente in Francia, ma in genere sono nati da singoli attivisti, cresciuti come un movimento dal basso.

Noi siamo apartitici ma certo non apolitici. Lottare per i diritti degli animali è politica. Abbiamo scelto di non andare al lancio di Milano per ribadire la nostra indipendenza associativa. Guardiamo certo con molta attenzione a questo nuovo soggetto politico. E ci auguriamo che, aldilà del teatrino della politica italiana, serva a salvare - come cerchiamo di fare noi ogni giorno - almeno un animale in più che altrimenti sarebbe stato torturato o ucciso.

Il Consiglio Direttivo nazionale LAV