Le proposte LAV nella Legge di Bilancio in Parlamento

Nessun intervento utile per gli animali nella Legge di Bilancio in discussione in questi giorni nelle Commissioni del Senato.

Anzi, la manovra conferma l’IVA leggera voluta dal Ministro Patuanelli per la cessione di bovini e suini, peraltro senza stabilire un tetto massimo di mancati introiti da parte dello Stato. Una previsione nemica degli animali e dell’ambiente che abbiamo chiesto ai parlamentari di tutti i gruppi di cancellare e contestualmente di abbassare invece l’IVA sulle bevande di origine vegetale attualmente al 22% contro il 4% del latte animale. Una diseguaglianza ingiusta nei confronti di chi sceglie un’alimentazione libera da crudeltà e meno impattante sui cambiamenti climatici.

Nemmeno agli animali che vivono nelle nostre famiglie, in canili e gattili, o per strada la manovra pensa nella stesura del Governo.
Chiedete a un gatto vagante o a un gatto di strada se si senta un lusso. Eppure, come per gli animali che vivono nelle nostre famiglie le sue crocchette e le visite dal veterinario sopportano l’IVA al 22%. Per questo motivo abbiamo proposto anche quest’anno degli emendamenti per abbassare l’IVA su pappa e cure veterinarie e per detrarre di più per le loro cure. E abbiamo proposto anche una norma antispreco che anche risparmiare e inquinare meno: la possibilità di vendere i medicinali veterinari in singoli blister.

Ci auguriamo che il Parlamento abbia un’attenzione maggiore anche nei confronti degli animali “da pelliccia“ e allora perché non prevedere agevolazioni per le imprese di allevamento di visoni, con la contestuale cessazione delle attività e loro riconversione? Assieme al rinnovo dell’Ordinanza di sospensione del Ministro della Salute, Speranza, sono i due atti necessari a fermare definitivamente queste attività già vietate in tanti altri Paesi europei.

Abbiamo poi proposto che una quota pari al 50% dei fondi stanziati per la sperimentazione sia destinata ai progetti di ricerca sostitutiva alla sperimentazione animale e che il fondo destinato ai lavoratori delle attività circensi e di spettacolo viaggiante sia erogata solo laddove non vengano utilizzati animali per la loro attività. Questi e gli altri emendamenti proposti da LAV , se approvati renderebbero la Legge di bilancio utile anche per gli animali.

Gianluca Felicetti
Presidente LAV