Home | Notizie | Camera proroga esperimenti su animali delle sostanze d'abuso contro parere del governo. Grave passo indietro!

Camera proroga esperimenti su animali delle sostanze d'abuso contro parere del governo. Grave passo indietro!

Leggi l'articolo

Ultimo aggiornamento

mercoledì 16 febbraio 2022 23:00

Condividi

Contro il parere del Governo dato stamane alla Camera, sarà ancora possibile sperimentare su animali per altri tre anni, fino al giugno 2025, gli effetti di alcol, droghe, tabacco e tecniche finalizzate agli xenotrapianti. E nessun euro viene stanziato per il sostegno all’uso dei metodi di ricerca sostitutivi degli animali.

La decisione di oggi delle Commissioni Affari Costituzionali e Bilancio che hanno approvato gli emendamenti Boldi (Lega), Ianaro (M5S), Raciti e Lorenzin (Pd), Bologna (Coraggio Italia) e Magi (+Europa) permetterà ancora la sofferenza di decine di migliaia di animali in test inutili per gli esseri umani che vengono prorogati ormai per la quinta volta dal 2017, mentre morirà con i prossimi mesi il piccolo ma significativo finanziamento una tantum di 4 milioni di euro ai metodi sostitutivi di ricerca, voluto dal Ministro della Salute Speranza ma mai rinnovato, che con il suo impiego sta dando speranza e risultati positivi in Università e Istituti pubblici di ricerca. Si tratta di una decisione grave e incredibile, contrastata in Commissione solamente da Fassina (LeU), Flati e Torto (M5S) che ringraziamo, che va contro quanto succede negli altri Paesi europei e negli USA dove i test senza animali rappresentano una concreta realtà che ha permesso già in alcuni settori di abbandonare la anacronistica e violenta vivisezione.

Nonostante l'ennesima proroga, non smetteremo di difendere le pur minime restrizioni della normativa italiana che, fra l’altro, vietano le attività di allevamenti come Green Hill e sulle quali la Commissione di Bruxelles non sta procedendo da anni con una procedura d’infrazione.

Continueremo a batterci per una ricerca davvero scientifica ed eticamente compatibile e, grazie al proprio 5x1000, a sostenere Università pubbliche , come già fatto con quelle di Bologna, Pisa, Parma, Pavia e Genova nello sviluppo dei nuovi approcci metodologici di ricerca.