#maipiudaniza Provincia di Trento informi su corretta convivenza con orsi

Pubblichiamo la lettera aperta inviata oggi sull'incontro orso-uomo avvenuto qualche giorno fa nella Provincia di Trento.

 

Gentile Redazione,

la corretta convivenza con gli orsi è per il Trentino una questione da affrontare con priorità, perché  drammi come l’uccisione dell’orsa Daniza e l’abbandono dei suoi cuccioli, ormai orfani, non debbano più ripetersi.

Per tale ragione apprezzo il sig. Zadra, che ha voluto raccontare il suo inaspettato recente incontro con un orso: ha usato toni leggeri, autoironici, che hanno sdrammatizzato un evento certamente preoccupante per chiunque si fosse trovato al suo posto. Quell’orso può vivere sereno i suoi giorni, senza alcun mandato di cattura a suo carico: gli orsi fanno gli orsi, non sono un pericolo.  

Drammatica invece la fine inflitta a Daniza, meno di un anno fa, quando a fronte di un racconto poco limpido e fatto a favore di  telecamere e dei flash dei giornalisti, il sig. Maturi esibiva una fasciatura sufficiente a decretare la cattura per captivazione permanente di Daniza e l’eventuale suo abbattimento. La natura di quelle ferite non fu accertata, eppure il sequestro della cartella clinica del presunto aggredito sarebbe stato indispensabile per dare credibilità a quel racconto che fu preso come oro colato dalla Provincia e che poi, con il suo veterinario, determinò l’uccisione di Daniza.

L’esperienza vissuta dal sig. Zadra conferma la necessità che la Provincia di Trento si attivi, al più presto, con una capillare diffusione delle informazioni per una corretta convivenza con i plantigradi, tanto più indispensabile in una zona ad alta vocazione turistica. La Giunta Rossi s’impegni a garantire adeguate condizioni di “vita” agli orsi, perché drammi come l’uccisione di Daniza non devono ripetersi: iniziare da una capillare campagna informativa che scongiuri nuovi incidenti non potrà che giovare alla corretta convivenza con gli orsi. 

Con i migliori auguri di pronta guarigione al sig. Zadra.

Massimo Vitturi
Responsabile LAV – settore fauna selvatica