Rapp. Zoomafia 2020, Emilia Romagna: 740 procedimenti, 415 indagati

Traffico cuccioli, e più in generale di animali familiari, bracconaggio organizzato e traffico di avifauna, bracconaggio ittico: sono i dati che emergono dal Rapporto zoomafia 2020, relativi all'Emilia Romagna.

L’Osservatorio Nazionale Zoomafia della LAV ha analizzato i dati ricevuti da 7 Procure Ordinarie su 9 (non hanno risposto le Procure di Ravenna e Reggio Emilia). Proiettando la media dei dati pervenuti su scala regionale, si può stabilire che, nel 2019, nella regione sono stati registrati circa 740 procedimenti (circa il 7,79% di quelli nazionali), con un tasso di 16,63 procedimenti ogni 100.000 abitanti; e circa 415 indagati (circa il 7,08% di quelli nazionali), con un tasso di 9,30 indagati ogni 100.000 abitanti.

Ovviamente i dati che abbiamo analizzato sono relativi a tutti i reati a danno di animali e non solo a quelli attribuibili ad organizzazioni criminali. I casi più diffusi, infatti, sono quelli perpetrati quotidianamente da singoli cittadini, che spesso nascono da un malsano rapporto con gli animali e da una cultura retrograda che non riconosce loro diritti. Deve essere chiaro che la violenza a danno di animali è sempre grave, indipendente dalle forme che assume e da chi la perpetra.

Comunicato stampa integrale