Orrore, clonate in Cina 5 scimmie per studiare insonnia, diabete e tumori: rendere noti costi e fallimenti

Dopo Zhong Zhong e Hua Hua, le prime scimmie clonate nel 2018 con la tecnica della pecora Dolly, in Cina sono nati i primi cloni di animali malati. 
Si tratta di 5 scimmie insonni, che saranno utilizzate per studiare squilibri legati al sonno, ansia e depressione. 

Quando capiremo che la vita non è un gioco? Questa non è scienza e nemmeno un passo avanti per la salute dell’uomo. È solo follia, l’uomo non è una macchina dove a un gene corrisponde una risposta, siamo organismi complessi che rispondono a una somma di fattori, spesso anche di origine ambientale. Questo approccio riduzionista è scientificamente sbagliato e fuorviante e appartiene all’800!

Chiunque abbia in casa o in famiglia qualcuno malato di depressione o sia soggetto ad ansia sa benissimo che non sono influenzati solo dalla genetica (in quel caso potremmo cancellare secoli di psicologia), ma da un complesso insieme di parametri che sono, e possono essere, investigati in concreti ed etici studi epidemiologici.

Chiediamo che su questo nuovo esperimento di clonazione vengano resi noti anche i fallimenti e i costi complessivi. Bisogna, infatti, ricordare che gli esperimenti di clonazione hanno una elevata percentuale di insuccesso e determinano chissà quanti embrioni, feti e cloni malati e poi soppressi, dei quali però non viene data notizia. Infatti, il 75% degli embrioni animali clonati muore entro i primi due mesi di gravidanza e il 25% nasce morto o con deformità incompatibili con la vita [1]. 

Chi fa ricerca deve avere come scopo l’avanzamento della conoscenza per aiutare i malati e migliorare il mondo in cui viviamo. Ci chiediamo quale codice deontologico ci sia dietro a questi esperimenti, criticabili tanto sul piano scientifico che etico.
Infine, considerando che le scimmie sono geneticamente molto vicine all’uomo, c’è da domandarsi se sia una scelta casuale la clonazione proprio di questi cugini prossimi.

[1] Nature Genetics (DOI: 10.1038/ng841)

Michela Kuan
Biologa, responsabile Area Ricerca senza animali

(foto dal web)