Sperimentazione animale: Parlamento UE vota per graduale stop uso animali

Con il favore di tutti i gruppi politici, e quasi all'unanimità, il Parlamento Europeo ha adottato una risoluzione per superare gradualmente la sperimentazione animale in tutta la UE.

I parlamentari, -  si legge in una nota di Eurogroup for Animals - vogliono che siano messi a disposizione finanziamenti sufficienti a medio e lungo termine per garantire lo sviluppo, la convalida e l’introduzione rapida di metodi di sperimentazione alternativi, anche attraverso maggiori finanziamenti nell’ambito di Orizzonte Europa".

I finanziamenti per lo sviluppo di metodi sostitutivi

Quello dei finanziamenti è un tema che la LAV da anni pone all'attenzione della politica italiana, visto che nel nostro Paese solo recentemente siamo riusciti ad ottenere 6 milioni di euro per lo sviluppo di metodi sostitutivi, una cifra quasi insignificante rispetto a quelle destinate alla sperimentazione animale.

Speriamo che questa risoluzione, che giudichiamo comunque positiva negli intenti, solleciti l'Europa a destinare alla ricerca senza animali fondi adeguati, per una scienza più moderna e più etica.

La campagna #EndAnimalTesting 

Il tema della sperimentazione animale è sempre più sentito dai cittadini tutti i Paesi dell'UE, che recentemente sono stati chiamati ad esprimersi con una firma digitale su tre quesiti legati proprio a questo tema.

Una “iniziativa dei cittadini europei”, lanciata da Cruelty Free International #EndAnimalTesting, cui LAV ha aderito, per chiedere all'Unione Europea una conversione radicale in favore dei metodi alternativi alla sperimentazione animale.  

Firma qui

L'opinine dei cittadini

Negli ultimi anni abbiamo percepito l'interesse crescente, da parte di moltissimi cittadini, al destino degli animali rinchiusi nei laboratori di sperimentazione. Lo dimostra la grande partecipazione popolare a nostre campagne, come quella per i cani di Green Hill o per i Macachi delle università di Modena, Padova, Verona, animali salvati dalla vivisezione e a cui è stata restituita una vita degna. Oppure la battaglia che continuiamo a combattere per la salvezza dei Macachi di Parma.  

Infine, lo dimostra il recente caso dei cani Beagle utilizzati dalla Aptuit di Verona e per i quali moltissimi cittadini si stanno mobilitando. Accogliamo quindi positivamente ogni iniziativa della politica italiana o europea che sia utile a squarciare il velo di segretezza dei laboratori di ricerca e a svelare l'orrore di una pratica, la vivisezione, anacronistica e immorale.