Home | Notizie | Ancora più di 10 milioni di animali vittime della sperimentazione in Europa

Ancora più di 10 milioni di animali vittime della sperimentazione in Europa

Pubblicati i dati relativi alla sperimentazione sugli animali in Europa aggiornati al 2019, anno in cui sono stati utilizzati 10,5 milioni di animali nei laboratori degli Stati membri dell'UE. Statistiche che mostrano come sia necessario fare molto di più per porre fine all'uso crudele, inutile e dannoso degli animali nella ricerca

Leggi l'articolo

Ultimo aggiornamento

giovedì 4 agosto 2022 11:47

Topic

Condividi

Firma per dire basta alla sperimentazione animale in UE!

FIRMA ORA

Ancora più di 10 milioni di animali vittime della sperimentazione in Europa

Sono stati, finalmente, pubblicati i dati relativi alla sperimentazione sugli animali in Europa aggiornati al 2019.

Nonostante la crescente opposizione pubblica e politica agli esperimenti sugli animali in Europa, nel 2019 sono stati utilizzati 10,5 milioni di animali nei laboratori degli Stati membri dell'UE, con un calo di appena l'1% rispetto ai dati del 2018, una diminuzione minima che calpesta quanto voluto dalla legge e dai cittadini comunitari.

Dalle statistiche emerge come siano stati fatti 9,3 milioni di esperimenti in un solo anno a cui si aggiungono 1,2 milioni procedure al solo scopo di creare o mantenere colonie di animali geneticamente modificati. Ad aggravare il quadro già delineato, bisogna aggiungere che il 41% delle sperimentazioni ricade nelle classi di dolore più elevato.

Inoltre, il 2019 ha visto uno scioccante aumento del 19% dei test LD50 (Lethal Dose 50), da 21.313 nel 2018 a 25.292 nel 2019. Test arcaici basati su un calcolo approssimativo e rischioso in cui si indaga se la sostanza a cui si espone il gruppo di animali ne uccide la metà; come se fosse sicura nel caso ne uccidesse “solo” un terzo: un metodo che riflette una scienza per prove ed errori non accettabile nella nostra epoca.

Sono stati uccisi animali persino per produrre anticorpi tramite ascite, irritazione cutanea e irritazione oculare, test invasivi per cui esistono metodi sostitutivi riconosciuti e disponibili e non esistono scuse per averne fatto ricorso o averli autorizzati.

Nel settembre 2021 il Parlamento europeo ha votato a stragrande maggioranza (667 a 4) un piano d'azione per accelerare la transizione dall'uso degli animali nella ricerca e nella sperimentazione alla scienza rilevante per l'uomo in tutta l'UE. La risoluzione chiedeva un calendario definito con obiettivi di riduzione e tappe fondamentali per incentivare i progressi nella sostituzione degli animali e applicazione dei metodi alternativi. Un voto che non deve sorprendere visto che un recente sondaggio, condotto nel 2020, ha dimostrato come quasi tre quarti (72%) degli intervistati abbiano convenuto che l'UE dovrebbe fissare obiettivi e scadenze vincolanti per eliminare i test sugli animali.

Invece, le statistiche del 2019 mostrano come sia necessario fare molto di più per porre fine all'uso crudele, inutile e dannoso degli animali nella ricerca. Nonostante i grandi progressi compiuti nello sviluppo di metodi di sperimentazione non animale e il chiaro desiderio sia del Parlamento europeo che dei cittadini degli Stati membri dell'UE, queste cifre sottolineano l'urgente necessità di cambiamento.

In merito, un'iniziativa dei cittadini europei (ICE), sostenuta da oltre 100 associazioni per la protezione degli animali in tutta Europa e da marchi di fama mondiale tra cui Dove e The Body Shop, ha già raccolto 1 milione di firme per chiedere la fine di una scienza retrograda basata su modelli animali che riflette l’800 invece di guardare al futuro con metodi alternativi, innovativi, rapidi e soprattutto affidabili. La petizione si chiude il 31 agosto, ci sono ancora poche settimane per firmarla e cogliere questa occasione unica di cambiamento per tutti: uomini, animali e l’intero pianeta. Proprio nei giorni scorsi un video, ormai diventato virale, ha mostrato la reazione di alcuni personaggi noti del mondo dello spettacolo alla visione di animali usati per la sperimentazione. 


Firma per dire basta alla sperimentazione animale in UE!

Puoi aiutarci nella battaglia contro la vivisezione sin da subito firmando l’iniziativa europea. Ancora oggi infatti centinaia di migliaia di animali subiscono esperimenti, passando la loro intera vita rinchiusi in un laboratorio, vittime della sperimentazione per i cosmetici.

FIRMA ORA