Rapporto Zoomafia 2021: in Puglia 460 procedimenti, 390 indagati

Illegalità nel settore delle corse di cavalli e doping, pesca di frodo, traffico di fauna selvatica, macellazioni clandestine, bracconaggio organizzato: sono alcuni dei crimini contro gli animali registrati in Puglia che emergono dal Rapporto Zoomafia 2021.

L’Osservatorio Nazionale Zoomafia della LAV ha analizzato i dati ricevuti da 4 Procure Ordinarie su 6 (non hanno risposto le Procure di Brindisi e Lecce). Proiettando la media dei dati pervenuti su scala regionale, si può stabilire che, nel 2020, nella regione sono stati registrati circa 460 fascicoli (circa il 4,97% di quelli nazionali), con un tasso di 11,31 procedimenti ogni 100.000 abitanti; e circa 390 indagati (circa il 7,37% di quelli nazionali), con un tasso di 9,59 indagati ogni 100.000 abitanti

La Puglia si conferma tra le regioni a maggior rischio attività criminali a danno di animali e non solo delle forme organizzate, sistemiche o associative, ma anche dei maltrattamenti comuni, perpetrati singolarmente, che rappresentano la maggioranza dei casi e che coinvolgono il maggior numero di vittime animali.

Comunicato stampa integrale