Home | ... | | Lanciamo un appello alla Commissione Europea contro l'emendamento caccia selvaggia!

Lanciamo un appello alla Commissione Europea contro l'emendamento caccia selvaggia!

In vigore la Legge di Bilancio 2023 con il devastante emendamento caccia selvaggia. Noi non ci arrendiamo! Nuova mobilitazione LAV per ripristinare la tutela degli animali selvatici.

Leggi l'articolo

Ultimo aggiornamento

martedì 3 gennaio 2023 12:03

Condividi

Unisciti a noi per chiedere l'intervento dell'Europa contro l'emendamento caccia selvaggia!

Nonostante le tantissime richieste inviate, il Presidente Mattarella non è intervenuto sul famigerato articolo “caccia selvaggia”, che consentirà ai cacciatori di sparare sempre e ovunque, anche nei parchi e nei centri urbani.

Più di 30.000 persone nei pochi giorni di fine anno 2022 hanno effettuato l’accesso al form che consentiva di inviare un messaggio al Presidente della Repubblica, ma questa enorme mobilitazione non è stata sufficiente: la Legge di Bilancio è stata promulgata lo scorso 29 dicembre 2022 con tutto il suo contenuto di devastazione di habitat e animali.

Noi non ci arrendiamo e, se lo Stato non ci ha ascoltato, chiediamo l’intervento della Commissione Europea per ripristinare la tutela che è dovuta agli animali selvatici. Tutta la fauna selvatica è ora a rischio nel nostro Paese, anche quella protetta dalle Direttive europee, anche quella che vive nelle aree tutelate che fanno parte della Rete europea Natura 2000. Massimo Vitturi, Area Animali Selvatici

Non vogliamo lasciare nulla di intentato contro il dilagare della barbarie venatoria, ma sarà fondamentale avere tutti al nostro fianco. Inviamo quindi un appello a tutti coloro vogliano aiutarci in questa nuova battaglia: unisciti a noi e scrivi anche tu alla Presidente della Commissione Europea, Ursula Von der Leyen, e al Commissario Europeo all’Ambiente, Virginijus Sinkevičius, chiedendo il loro intervento.

SCRIVI ALLA COMMISSIONE EUROPEA

COMPILA IL FORM IN FONDO ALLA PAGINA PER FAR ARRIVARE DIRETTAMENTE ALLA COMMISSIONE EUROPEA IL MESSAGGIO CHE TROVI QUI SOTTO:

Alla Presidente della Commissione Europea Ursula Von der Leyen e al Commissario europeo all’ambiente Virginijus Sinkevičius

La recentissima Legge italiana n.197 del 29 dicembre 2022 “Bilancio di previsione dello Stato per l'anno finanziario 2023 e bilancio pluriennale per il triennio 2023-2025”, approvata dal Parlamento italiano, all’articolo 1 punti 447, 448 e 449 rimuove ogni limite alla partecipazione dei cacciatori al controllo faunistico, escludendo qualsiasi valutazione scientifica preventiva anche nel caso in cui sia prevista l'uccisione di animali appartenenti alle specie protette dalle Direttive Habitat e Uccelli. D'ora in poi i cacciatori italiani potranno intervenire nelle aree protette, anche facenti parte della rete Natura 2000, così come nelle aree urbane, in qualsiasi periodo dell'anno e a qualsiasi ora, nei confronti di qualsiasi specie animale e in assenza di ogni verifica scientifica violando così la protezione imposta dalle norme europee. 
Come tantissimi altri cittadini italiani sono molto preoccupato per il futuro degli animali selvatici nel mio Paese, chiedo quindi un suo intervento urgente per imporre al Governo italiano il ripristino delle tutele previste dalle norme europee.