Home | Notizie | Ce l'abbiamo fatta! Più di un milione di cittadini europei dice basta ai test sugli animali!

Ce l'abbiamo fatta! Più di un milione di cittadini europei dice basta ai test sugli animali!

Per la seconda volta, oltre un milione di persone in tutta l'Unione Europea hanno chiaramente chiesto di fermare subito la sperimentazione animale.

Leggi l'articolo

Ancora oggi più di dieci milioni di animali soffrono e muoiono inutilmente nei laboratori di tutta Europa

Milioni di gatti, cani, conigli, topi e scimmie sono ancora rinchiusi nei laboratori in UE. Ma ora l’opinione pubblica ha ribadito la richiesta di porre fine a questa crudeltà sia per i test cosmetici che chimici, nonché di veder realizzato un piano concreto per eliminare tutti gli esperimenti sugli animali.

Un grazie a tutti quelli che hanno sostenuto e diffuso questa fondamentale petizione per i diritti degli animali!

Il termine per la raccolta delle firme per l'iniziativa dei cittadini europei (ECI) è scaduto alle 23:59 di ieri, mercoledì 31 agosto, raccogliendo oltre un milione e 400 mila firme in UE di cui più di 91 mila italiane, superando il quorum previsto del 172%.

Una pietra miliare dal punto di vista sociale, giuridico e politico di cui LAV è stata fra le prime associazioni aderenti e motore fondamentale per raccolta firme in Italia. Questa è la seconda ECI contro la vivisezione che ha superato il milione di firme; la prima è stata la nota Stop Vivisection nel 2015 che, però, non ha portato al cambiamento sperato e dovuto.

Anche se ora dobbiamo aspettare diversi mesi per vedere se la petizione aperta ad agosto 2021 e sostenuta da LAV insieme a 3 coalizioni europee per la protezione degli animali e PETA, venga convalidata dagli Stati membri dell'UE, l'enorme numero di firme invia un segnale molto chiaro all’intero mondo della sperimentazione animale coinvolgendo legislatori, politici e chiunque faccia ricerca.

Auspichiamo che, questa volta, la Commissione europea, i membri del Parlamento europeo e i Governi nazionali prestino la dovuta attenzione e agiscano immediatamente per porre fine definitivamente alla sperimentazione sugli animali per gli ingredienti utilizzati cosmetici, teoricamente in vigore dal 2013 ma che continua ad essere calpestata, e non solo.

Infatti, abbiamo anche bisogno urgentemente di un piano tangibile e definito per consegnare tutti gli altri esperimenti sugli animali ai libri di storia dell’800 a cui appartengono senza ulteriori ritardi.

Anche il nostro Governo deve prendere atto di quanto richiesto dai cittadini italiani ed europei attuando misure rigorose che incentivino subito l’abbandono del modello animale a favore di metodi sostitutivi innovativi, pratici, attendibili ed etici. Un’occasione in vista delle imminenti elezioni per aderire Manifesto delle Associazioni animaliste per un Paese più giusto per gli animali.