A processo "Vegano Stammi Lontano", la nostra solidarietà a Carmen Luciano

Nel luglio 2017, a seguito dell'ennesima pubblicazione sgradevole nei miei confronti, ho deciso di denunciare gli amministratori della pagina Facebook "Vegano Stammi Lontano" per diffamazione aggravata.

Per chi non la conoscesse, questa realtà virtuale raduna oltre 152.000 utenti ed ogni giorno promuove uso e consumo di animali di qualsiasi specie, facendo ironia su quest'ultimi e su coloro che come me non li mangiano o magari li difendono attivamente. Dicono sia puro sarcasmo il loro, semplice satira, ma il titolo in maiuscolo e l'invito a "stare lontano" a mio avviso ha poco di goliardico e tanto d'infelice. Come infelice è il logo che hanno scelto per rappresentare la pagina: un disegno raffigurante un maialino con occhiali da sole e sigaretta al muso, credo ispirata da una foto di un maiale vero ucciso e così addobbato, pubblicata tempo fa sulla pagina stessa.

Se sono arrivata a depositare formale denuncia querela è stato grazie ad una mia amica e collega animalista. Molto preoccupata per me, mi suggerì un buon avvocato per assistenza legale. Ci può stare il pensiero divergente (i cambiamenti sono lenti e chi si fa carico di migliorare la società ha sempre un peso addosso enorme), ma quando si rischia di diventare bersaglio fisso di un gruppo di persone che interagiscono con decine di migliaia di individui, si oltrepassano le Colonne d'Ercole del rispetto. Ho così seguito il consiglio ricevuto e dopo mesi di attesa, il verdetto: la pagina è stata rinviata a giudizio.

Il processo si terrà il 5 marzo 2019 e sarà un giudice a stabilire se quanto ho vissuto sia diffamazione.

Sono molte le persone vegane che hanno sentito come propria questa vicenda e che per questo mi stanno sostenendo contribuendo alle spese (è attiva una raccolta su paypal che in caso di epilogo positivo, diverrà interamente donazione per la rete santuari di animali salvati dal macello e per associazioni animaliste).

A nome di tutte le persone che ogni giorno si fanno carico di lottare per il riconoscimento dei diritti animali, spero che questa vicenda si concluda nel migliore dei modi. Esternare i propri pensieri e difendere i propri ideali è un diritto di ciascuna persona, e chi ogni giorno vive una vita a metà per permettere in futuro una vita migliore a chi oggi è (s)oppresso non merita assolutamente derisione.

Carmen Luciano

 

LAV esprime la sua piena solidarietà a Carmen che ha iniziato proprio con la nostra associazione il suo attivismo per gli animali.