Home | Notizie | Uomo muore dopo il trapianto di un cuore di maiale. Ennesima evidenza, no agli xenotrapianti!

Uomo muore dopo il trapianto di un cuore di maiale. Ennesima evidenza, no agli xenotrapianti!

Leggi l'articolo

Ultimo aggiornamento

mercoledì 9 marzo 2022 23:00

Condividi

A gennaio la notizia del trapianto sull’uomo di un cuore di maiale geneticamente modificato aveva fatto scalpore, facendo gridare al successo degli xenotrapianti (trapianti tra specie diverse uomo – animale), e illudendo molte persone in attesa di trapianto d’organo.

L’intervento su David Bennett, che aveva solo 57 anni, era stato dichiarato riuscito, ma a distanza di pochissimi mesi l'Università del Maryland, negli Usa, dà notizia della morte dell’uomo.

Un annuncio molto triste ma prevedibile, per noi di LAV e per molti scienziati che da anni combattono contro l’inutile, fallimentare e crudele pratica degli xenotrapianti.

Una metodologia sostenuta anche nel nostro Paese dove, per legge, doveva essere abolita già dal 2014 e, invece, continua ad essere possibile e il cui divieto è stato posticipato di ben 11 anni, al 2025

Gli studi di trapianti tra specie dimostrano come questa tecnica sia fallimentare, a causa dell’insorgenza di gravi problemi di rigetto e della possibilità che vengano veicolati patogeni senza controllo (con complicazioni virologiche). A ciò si aggiungono le chiare incognite nell’uso di modelli geneticamente modificati e le evidenti considerazioni etiche, sottolineate anche da importanti istituzioni internazionali.

Viviamo in un Paese che non fa nulla per sostenere la donazione del corpo post mortem per la ricerca o incentivare lo sviluppo di modelli alternativi di organi ricostruiti in vitro e dove, purtroppo, è stata ancora posticipata la possibilità di mettere la parola fine a questi errori ed orrori.

Una scienza diversa non è solo possibile, ma doverosa per gli animali e per tutti i malati di cui dobbiamo rispettare le speranze.