World Vegan Day: una ricorrenza sempre piu' importante

1° novembre, un altro World Vegan Day: il giorno in cui si celebra, per il 76° anno, la scelta di avere a cuore gli animali e il Pianeta, una scelta che coinvolge un numero sempre più elevato di persone.

In base al Rapporto Italia di Eurispes, infatti, il 2,2 % della popolazione italiana è vegan. Ma non solo: l’apprezzamento per i cibi 100% vegetali è ben confermato da scaffali e reparti frigo colmi di una varietà di prodotti ‘verdi’ impensabile fino a qualche anno fa. L’incremento del 7,1% delle vendite di alimenti sostitutivi delle proteine animali, segnalata nel Rapporto Coop 2020, conferma i dati diffusi da Everli, il servizio di spesa online (attivo oltre 50 città italiane con Lidl, Coop, Esselunga, Conad, Carrefour) con una crescita del 14% rispetto allo scorso anno negli ordini di prodotti vegetariani e vegani. Anche Uber Eats, rileva che tra il 2018 e il 2020, il delivery vegan in Italia è aumentato del 300%, mentre per Deliveroo, i pasti vegan recapitati a casa, nel Regno Unito, ammontano a + 115% in un anno.

La battaglia persa al Parlamento europeo dalla lobby dell’agribusiness contro i burger 100% vegetali conferisce alla scelta vegan una medaglia preziosissima, generata dal terrore del rivale al pensiero del continuo proliferare di cibi a disposizione di chi sviluppa, anche grazie all’incessante sensibilizzazione di associazioni come LAV, una nuova consapevolezza etica.

Vale la pena, tra i tanti fatti positivi che potremmo ricordare, scegliere la sentenza favorevole – con risarcimento - alla maestra di Bologna che ha lottato per ottenere il suo pasto 100% vegetale sul posto di lavoro.  Un esempio di come si siano compiuti – e se ne facciano ogni giorno – lunghissimi passi avanti contro quella discriminazione che relegava i vegani nell'"angolo delle bizzarrie". 

I tempi cambiano, e in un anno difficile come il 2020, in cui le complicazioni derivanti dallo sfruttamento folle degli animali si fanno ben notare, le ragioni della scelta vegan diventano sempre più comprensibili e ne fanno un modello sempre più applicabile. Per il bene di tutti. #NONCOMEPRIMA 

Aderisci al Manifesto LAV