Home | Notizie | Revisione normativa UE trasporto animali

Revisione normativa UE trasporto animali

13 Stati membri, nell'ambito del Consiglio Agrifish, chiedono una revisione ambiziosa del regolamento sui trasporti che includa tempi massimi di viaggio e il passaggio da commercio di animali a commercio di carne e carcasse.

Leggi l'articolo

Ultimo aggiornamento

martedì 19 luglio 2022 13:00

Topic

#AnimaliNegliAllevamenti

Condividi

13 stati membri sostengono dossier su trasporto animali vivi, manca l’Italia

Il Consiglio Agrifish di ieri ha discusso un dossier chiave sul trasporto di animali vivi: 13 Stati membri chiedono una revisione ambiziosa del regolamento sui trasporti che includa tempi massimi di viaggio e il passaggio da commercio di animali a commercio di carne e carcasse. Ora è tempo che la Commissione europea tenga conto di queste opinioni nella revisione della normativa che sta conducendo, su cui dovrà presentare una proposta legislativa entro la fine del 2023.

La Vught Alliance, costituita dalle delegazioni belga, danese, olandese, tedesca e svedese, ha infatti avanzato richieste concrete per migliorare la protezione degli animali durante il trasporto in un documento informativo che ha ricevuto il sostegno di altri 8 Stati membri (Austria, Bulgaria, Estonia, Finlandia, Malta, Lussemburgo, Slovacchia e Slovenia).

Nonostante le nostre richieste al Ministro delle Politiche Agricole Patuanelli, con dispiacere constatiamo che l’Italia non si è espressa, rimanendo neutrale e di fatto non sostenendo un importante passo avanti per la tutela degli animali. – dichiara LAV - Il documento prevede infatti disposizioni molto importanti, come un massimo di 8 ore per gli animali trasportati alla macellazione, tempi di viaggio limitati per gli animali non svezzati, divieto di alcune esportazioni che prevedono viaggi lunghi, limiti di temperatura adeguati per ciascuna specie, regole specifiche per pesci, anfibi, rettili, cani, gatti, così come il passaggio al trasporto di carne, carcasse e materiale genetico.

Passi fondamentali nella giusta direzione, ma che devono essere ancora più ambiziosi, come indicato nel paper pubblicato nel 2021 da Eurogroup for Animals, la coalizione europea di cui siamo parte. Nel documento sono illustrate le disposizioni specifiche per specie e categoria per il trasporto di animali da allevamento terrestri e acquatici, equidi, gatti e cani, nonché animali utilizzati nella scienza, sulla base della conoscenza scientifica attuale.

Il sostegno ottenuto dal documento della Vught Alliance al Consiglio Agrifish da parte degli Stati Membri è incoraggiante e dovrebbe fornire alla Commissione europea il via libera per procedere in linea con queste raccomandazioni e garantire che il regolamento sui trasporti rivisto raggiunga il suo obiettivo: la protezione di animali durante il trasporto in linea con gli obiettivi di sostenibilità dell'UE.

Continueremo a lavorare per far diminuire il consumo di animali e per assicurare che anche l’Italia si schieri a favore degli animali e faccia la sua parte.

Ripercorri la storyline

mercoledì 13 luglio 2022

Revisione normativa UE trasporto animali

In vista del prossimo Consiglio Agrifish del 18 luglio, abbiamo scritto al Ministro Patuanelli per chiedergli di prendere una posizione favorevole al documento che verrà presentato da Danimarca, Paesi Bassi, Svezia, Germania e Belgio.

Per assicurare che la revisione della normativa in corso sia adeguato allo scopo, è necessario che più Stati membri sostengano apertamente questo documento in Consiglio.

Le gravi criticità del trasporto di animali vivi sono documentate proprio dalle istituzioni europee: due analisi pubblicate dalla Commissione UE nel 2020, una sul trasporto su strada di animali vivi verso Paesi terzi e l'altra sul trasporto via mare, rivelano violazioni gravi e routinarie. Questa situazione drammatica è particolarmente evidente nei continui disastri che si verificano nei lunghi viaggi via mare, che causano enorme sofferenza alle migliaia di animali trasportati, per esempio, verso i Paesi del Medio Oriente. Anche il Parlamento europeo, con la relazione e le raccomandazioni della commissione d'inchiesta sulla protezione degli animali durante il trasporto (ANIT), votate il 17 gennaio 2022, rivela la necessità di modifiche ambiziose al Regolamento (CE) 1/2005.

Milioni di animali vengono trasportati ogni giorno in tutta l'UE e fuori dai confini, dove è impossibile assicurare il rispetto delle norme minime di benessere previste dal Regolamento UE, con la conseguenza che gli animali rimangono senza alcuna protezione. Il commercio di animali vivi è crudele ed obsoleto e l'UE ha ora la possibilità e il dovere di andare oltre, come hanno già deciso Paesi quali la Nuova Zelanda e il Regno Unito.

Il documento propone soluzioni concrete alle questioni chiave che sono al centro della revisione della normativa sul trasporto di animali vivi, come la riduzione del tempo di percorrenza e le condizioni di trasporto (per esempio lo spazio nei veicoli e i requisiti per l’abbeveraggio e l’alimentazione), ribadendo ancora una volta la necessità di sostituire il trasporto di animali vivi con trasporto di carne, carcasse e materiale germinale.

Rinnoviamo l’appello al Ministro Patuanelli affinché si faccia portavoce delle richieste sempre più forti dei cittadini e della necessità di garantire maggiore protezione agli animali allevati in ogni fase della loro vita.


CHIUDI